Segrate, 20 Maggio 2021

Minacciate da pesticidi e sostanze chimiche, FAO e ONU lanciano un grido d’allarme per difendere le api, invitando ad intraprendere azioni concrete per proteggerle a tutela della biodiversità.

La Giornata Mondiale delle api del 20 Maggio, il “World Bee Day”, oltre a promuovere la fondamentale attività degli apicoltori, vuole diffondere la consapevolezza dell’importanza del ruolo delle api per il Pianeta.

Si stima infatti che il 76% del cibo che mangiamo è il frutto del loro lavoro di impollinazione e che caffè, mele, mandorle, pomodori e cacao, per citare solo alcune delle colture che si basano sull’impollinazione, sono a forte rischio.

Cosa fare dunque per la sensibilizzazione del problema?

Il modello sloveno per la difesa dell’Ambiente

Larissa Meani, presidente di Apilombardia, ha di recente incontrato il console della Repubblica di Slovenia, Zorko Pelikan, per condividere e adottare le buone pratiche che fanno della Slovenia un Paese all’avanguardia in questo settore.

Il console e la presidente di Apilombardia, molto interessata al modello sloveno, hanno discusso di un accordo di collaborazione con Čebelarska zveza Slovenije, l’associazione per l’apicoltura della Repubblica di Slovenia, mettendo le basi per lo scambio di buone pratiche e la conoscenza reciproca.

L’obiettivo è fermare la perdita di biodiversità e il degrado degli ecosistemi in modo da contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile e dare sostegno al ruolo strategico degli impollinatori.

Tanti i progetti ipotizzati, dopo l’accordo raggiunto in occasione della giornata delle api, si partirà a giugno con una serata di degustazione di mieli italiani e sloveni, per proseguire con attività di divulgazione nelle scuole, la costruzione di un apiario in centro a Milano e di altre iniziative in cantiere.

20 Maggio, diffondiamo l’apicoltura

La Repubblica di Slovenia è in prima linea nella lotta per la salvaguardia della specie, lo dimostra il fatto che la Giornata Mondiale delle api sia stata proclamata nel 2018 dall’ONU proprio su sua iniziativa e che sia stato scelto il 20 maggio, data di nascita dello sloveno Anton Janša (1734-1773), uno dei pionieri delle tecniche di apicoltura moderne.

La Giornata Mondiale delle api 2021 è l’occasione per ricordare a tutti che l’umanità intera dipende dalle api, che insieme ad altri insetti impollinatori consentono a molte piante di riprodursi.

Ma i nemici delle api sono i pesticidi. Nel 2013 l’Unione Europea ha vietato l’uso di 3 pesticidi particolarmente nocivi, ma la strada è ancora lunga. Attraverso l’agro-ecologia, la FAO cerca di ottimizzare le interazioni tra piante, animali, esseri umani e ambiente. Le innovazioni sono necessarie e devono basarsi sulla creazione di conoscenza, dove la scienza si combini con le conoscenze e le esperienze locali, come un processo sociale.

Prenderci cura della sopravvivenza di questi straordinari e laboriosi insetti significa tutelare la nostra stessa sopravvivenza sul Pianeta.

Api tutto l’anno

Apilombardia guarda naturalmente oltre al 20 Maggio con l’intenzione di aumentare la consapevolezza nell’opinione pubblica sul valore inestimabile delle api creando occasioni per diffondere la conoscenza e la passione per le api, promuovere l’armonizzazione fra apicoltura e agricoltura e dare sostegno ai 1600 apicoltori associati.